Simon Mago, chi era costui ?

Reading Time: 3 minutes read

simon_magoSimone Mago è considerato dagli eresiologi cristiani il primo degli eretici e proto-gnostico samaritano. Ulteriori testimonianze sulla sua vita non hanno il crisma dell’ufficialità in quanto derivano da testi apocrifi come gli Atti di Pietro o le Pseudo-clementine.

In base a tali documenti Simon Mago risiedette a Roma durante i regni degli imperatori Claudio e Nerone.

I vangeli, e i padri della Chiesa, collocano Simon Mago come originario della Samaria, terra non legata all’ortodossia ebraica, madre di maghi, profeti, curatori, e che dona i natali ad altra figura interessante dei vangeli: la samaritana che dona l’acqua a Gesù Cristo.

La storia di Simon Mago si intreccia con quella dei discepoli, quando dopo aver udito una delle prediche di Filippo, decide di farsi cristiano attraverso il battesimo. Gli atti raccontano che chiese a Pietro il dono di curare e cacciare i demoni, in cambio del denaro, ma ricevette il diniego e fu allontanato dall’irato apostolo ( da qui deriva il termine di simonia: commercio di cose sacre ).

Il pensiero di Simon Mago, presenta gli elementi tipici dello gnosticismo alessandrino. Questi elementi simbolici e concettuali, hanno già un alto grado di maturità dando vita ad un sistema esauriente, che collocano nei fatti lo gnosticismo come precedente al cristianesimo stesso, o almeno a ciò che convenzionalmente intendiamo per cristianesimo. Mentre gli apostoli e i discepoli, ad eccezione di San Paolo, proponevano una narrazione della vita di Gesù Cristo, ancora priva di una teologia; Simon Mago già offriva un’esaustiva risposta al dilemma della Creatura, e al suo rapporto con la Creazione ed il Creatore.

Le prime notizie su Simon Mago le troviamo negli Atti degli Apostoli:

«Or vi era un tale, di nome Simone, che già da tempo esercitava nella città le arti magiche, e faceva stupire la gente di Samaria, spacciandosi per un qualcosa di grande.
Tutti, dal più piccolo al più grande, gli davano ascolto, dicendo: Questi è la “potenza di Dio”, quella che è chiamata “la Grande”» (Atti degli Apostoli, 8, 9-10).

Da questo passo si traggono le seguenti conclusioni:

1) Simone, ancora prima di essere battezzato da Filippo, annunciava un insegnamento dal carattere esoterico, secondo cui l’uomo iniziato ai misteri è “potenza di Dio”; il termine “potenza di Dio” attribuito a Simone e a quanti seguivano i suoi insegnamenti denota il carattere antropoteistico della sua dottrina: l’uomo, che partecipa della natura di Dio, diventa “potenza di Dio” quando viene iniziato ai sacri misteri.
2) Simone dava un certo credito alle arti magiche.

Queste due caratteristiche, cioè il carattere esoterico della dottrina di Simone e l’uso delle arti magiche, ci fanno pensare che Simone fosse un “mago” nel senso più arcaico del termine, cioè uno degli ultimi sacerdoti dell’antico zoroastrismo ebraico. Troviamo una conferma di questa ipotesi nella Istoria di tutte le eresie di Giuseppe Lancisi (1737):

(Simon Mago) «aderiva in esso [cioè nel suo libro] a i Caldei circa la materia ingenita, ed eterna; impugnava, come i Saducei, la Resurrezione della carne; negava il libero arbitrio; diceva bastare la sola Fede per conseguire la salute; seguì Zoroaste nella distinzione de i due principj, dicendo il principio vizioso esser il Dio adorato dagli Ebrei, ed il buono il Dio, che fu Padre di Gesù Cristo, e creatore delle nostre anime. Al primo attribuì la generazione della carne, chiamandolo prima causa di tutti i mali […]. Soggiungeva il Vecchio Testamento dettato dal Dio cattivo per inganno degli Uomini; e conforme gli Ebrei veneravano il giorno del Sabbato, in cui Iddio compì l’opera del Mondo; egli, in odio del Dio cattivo, ordinò, che in quel giorno si digiunasse. »
(Istoria di tutte l’eresie descritta da Domenico Bernino. Compendiata ed accresciuta da Giuseppe Lancisi, Secolo I, Capitolo I, Venezia, 1737).

——

Note delle fonti
1) https://www.fuocosacro.com/pagine/gnosticismo/simon_mago_gnosticismo.htm

2) https://digilander.libero.it/maximusmagnus/Gnosi/simone.htm

3) https://www.eresie.it/it/Home.htm

[Condividi questo post nei social e/o via mail]