Schiavitù in India

Reading Time: 2 minutes read

Le prime fonti suggeriscono che la schiavitù sarebbe stata probabilmente un’istituzione diffusa in antica India dalla vita del Buddha (VI secolo a.C.), e forse anche fino al periodo vedico. Tuttavia, il suo studio nei tempi antichi è problematico e contestato perché dipende dalle tradizioni di termini come dasa e dasyu.

La schiavitù in India si intensificò durante il Dominio musulmano dell’India settentrionale dopo l’XI secolo, dopo che i sovrani musulmani reintrodussero la schiavitù nel subcontinente indiano.

Divenne un’istituzione sociale predominante con la scuola degli indù, insieme all’uso degli studi negativi per la conquista, una pratica di dati polmonari all’interno dei regni musulmani all’epoca.

Secondo gli storici musulmani del Sultanato di Delhi e dell’era dell’Impero Mughal, dopo l’invasione dei regni indù, gli indiani furo presi vengono schiavi, con molti esportati in Asia centrale e in Asia occidentale.

Molti schiavi dal Corno d’Africa sono stati anche importati nel Subcontinente indiano servire nelle famiglie dei potenti o degli eserciti musulmani del Sultanati del Deccan e il Impero Mughal.

La schiavitù in India continuò per tutto il XVIII e XIX secolo. Durante il era coloniale, Gli indiani furono portati in diverse parti del mondo come schiavi da varie compagnie mercantili europee come parte del Commercio di schiavi nell’Oceano Indiano.

Oltre un milione di servizi indenturati (indicato come girmitiya) dal subcontinente indiano erano trasportato a varie colonie europee in Africa, Asia e Americhe su cui lavorare piantagioni e miniere.

Portoghesi importarono africani nelle colonie indiane sulla costa di Konkan tra il 1530 circa e 1740.

La schiavitù fu abolita nel possedimenti del East India Company dal Indian Slavery Act, 1843. (1)

In Andhra Pradesh, India, un chirurgo di 75 anni che lavora presso il Kurnool Government Hospital di Kadappa, chiamato Naganna, è stato arrestato dal CB-CID per aver condotto interventi chirurgici di cambio di sesso forzato su vittime rapite per quasi un decennio utilizzando una rete nazionale di hijras. (2)

FONTI

(1) https://en.wikipedia.org/wiki/Slavery_in_India#Contemporary_slavery

(2) https://en.wikipedia.org/wiki/Genital_modification_and_mutilation

[Condividi questo post nei social e/o via mail]