Madre Tecla dei Paolini mostrò come dare ali e piedi al Vangelo

Reading Time: 2 minutes read

La prima madre generale delle Figlie di San. Paolo – Madre Thecla Merlo – spesso esortava nel”Dai ali e piedi al Vangelo, affinché si diffonda in lungo e in largo.”

Era entrata nel primo gruppo di uomini e donne “Paoline” riuniti dal giovane sacerdote James Alberione nella diocesi di Alba, Italia. Aveva una visione unica per ottenere i Vangeli in ogni famiglia, nelle mani di ogni cristiano.

Quando era una seminarista, i suoi amici la aiutarono a iniziare a raggiungere il suo obiettivo con la distribuzione di copie del Nuovo Testamento nelle parrocchie. Più tardi, il suo zelo ardente la portò a iniziare un istituto religioso allo scopo di diffondere il Vangelo. Madre Thecla fu facilmente affascinata da questo zelo.

Nella sua città natale, Thecla ha diffuso il messaggio evangelico attraverso la piccola sala di lavoro nella sua casa. Ha condiviso, istruito le giovani donne che sono venute per allenarsi o hanno lavorato insieme a lei. L’atmosfera della sala di formazione era piena di gioia, entusiasmo e preghiera.

Per sostenersi economicamente durante la guerra, hanno cucito vestiti per l’esercito. Fu l’inizio delle Figlie di San. Paolo.

Per Thecla, non esisteva un solo modo per “dare ali e piedi al Vangelo. Il suo progetto da sogno era quello di raccogliere e spendere tutte le sue energie per tutto ciò che era buono per la diffusione del Vangelo.

Con il passare dei tempi, in conformità con la loro missione, la congregazione ha adottato nuove tecnologie di comunicazione.

Thecla incoraggiò e sostenne le sue giovani sorelle mentre diffondevano la parola attraverso pubblicazioni, programmi radiofonici e televisivi, mentre continuavano a dare ali al Vangelo con mezzi tradizionali.

Più di 100 anni dopo la nascita della nostra congregazione nel 1914, come anniversario della sua nascita a febbraio. 20, 1894, mi avvicinai, mi sedetti per meditare su ciò che la nostra cara Madre Tecla intendeva per “dare ali e piedi al Vangelo.”

La sfida era stata un’improvvisa ispirazione e all’inizio ho disegnato uno spazio vuoto. Ma la luce lentamente mi è venuta in mente, sapendo che i nostri piedi ci portano in luoghi dove vogliamo andare. Questo simboleggia il movimento.

Gesù ha camminato in missione per tutta la vita. I suoi piedi lo portarono nelle coste, nelle case dei malati, negli esattori delle tasse, a Maria e Marta, alla festa di nozze. Poiché camminava verso luoghi in cui avrebbe incontrato persone, le incontrava nelle loro situazioni di vita; li raggiunse. E la gente potrebbe avvicinarsi liberamente a lui.

Oggi, dare ali e piedi al Vangelo indica che dobbiamo portare il suo messaggio come ha fatto lui: raggiungere tutti indipendentemente dalla loro casta, credo, posizioni o classe economica. Come St. Paolo disse: “Sono diventato tutto per tutti gli uomini, in modo che io possa in ogni modo [salvare in ogni modo] alcuni [portandoli alla fede in Gesù Cristo]” (1 Corinzi 9:22).

Andiamo alle persone alla periferia, dove molti esitano ad andare, diventando tutt’uno con loro, essendo la loro voce. Andiamo come profeti che parlano a nome di senza terra, migranti, agricoltori, vedove, bambini, orfani; e i social media ci offrono una piattaforma per essere veloci nella nostra missione.

Le ali possono portarci in luoghi remoti: verso l’alto e in avanti senza ingorghi. Possiamo portare il nostro messaggio con idee e iniziative creative, avventurandoci in nuovi percorsi e aree, informando e invitando molti altri a unirsi a noi nel proclamare la parola.

Diamo ali e piedi al messaggio di Gesù quando seguiamo i suoi valori nella nostra vita.

Francisca Martinez

[Condividi questo post nei social e/o via mail]