Italia Lazio, Resti Neanderthal trovati nella grotta Guatari

Reading Time: 1 minute read

Il ministro della Cultura Dario Francescini ha valutato che si tratta di una scoperta straordinaria, che nel suo significato può essere paragonata al ritrovamento dei resti del cosiddetto uomo Krapina in Slovenia.

La Grotta Guatari si trova nella regione Lazio, vicino alle rive del Mar Tirreno ed è stata scoperta per caso 80 anni fa.

È rimasta chiusa, come una sorta di “capsula del tempo” a causa di una frana che ha coperto l’ingresso, e ciò che c’era all’interno della grotta è rimasto intatto.

L’età dei resti trovati di persone e animali è stimata in 60.000 anni.

Secondo il documento, l’importanza della scoperta è che consente agli scienziati di completare le loro conoscenze sull’evoluzione dell’uomo dalle scimmie.

NOTA di Redazione
La maggior parte delle varianti di Neanderthal esistono solo nel 2% circa delle persone moderne di discendenza eurasiatica. Ma un po ‘di DNA arcaico è molto più comune, un’indicazione che era benefico per gli antichi umani mentre si trasferivano dall’Africa all’Eurasia, che i Neanderthal avevano chiamato casa per più di 300.000 anni. Un decennio fa, i ricercatori hanno scoperto che c’era un altro gruppo di ominini arcaici che coesisteva con i Neanderthal e gli antenati degli umani moderni. Il DNA raccolto da un singolo osso di un dito e due denti non sembrava essere né umano né di Neanderthal, e gli scienziati hanno chiamato un nuovo gruppo, i Denisovani, dopo la grotta siberiana in cui sono stati trovati i resti nel 2008. (Fonte: the-scientist.com)

[Condividi questo post nei social e/o via mail]