7 thoughts on “I Cavalieri di Malta: la storia ci aiuta a capire i dubbi

  1. Non si capisce il motivo per il quale un Cavaliere di Malta non dello SMOM viene allontanato dalle funzioni religiose come se fosse un appestato: eppure tra i cristiani non vi è nessuna distinzione di razza (Galati 3,28), e viene loro insegnato a portare l’evangelo a tutti, e che Gesù è ricco verso tutti quelli che lo invocano, secondo quanto dice Romani 10,9-17.

    Due pesi e due misure ?

  2. Sotto il termine Cristianesimo sono raggruppate chiese molto diverse tra loro e, a volte, in polemica tra loro: secondo il World Christian Trends (2001) i cristiani sono complessivamente il 33% degli abitanti del globo e sono così divisi: cattolici 17,5%; protestanti 5,6%; ortodossi delle varie chiese (russa, greca, armena) 3,6%; anglicani 1,3%; copti e altri (battisti e pentecostali in ascesa) 5,0%.
    Attualmente il Cristianesimo è la religione più diffusa al mondo, con circa 2,1 miliardi di fedeli[5] (1 miliardo di cattolici, 500 milioni di protestanti, 470 milioni di evangelici pentecostali nel solo 2005, dati forniti dal CESNUR), 240 milioni di ortodossi, e 275 milioni d’altri), davanti all’Islam, tra 900 milioni e 1,4 miliardi, e all’Induismo, tra 850 milioni e un miliardo.

  3. uno dei nove decreti prodotti dal lavoro conciliare dei vescovi, assistiti dai consulenti teologici, è dedicato specificamente all’ecumenismo: Unitatis Redintegratio (Il ristabilimento dell’unità), del 21 novembre 1964.
    Il decreto definisce il movimento ecumenico quale:
    « l’insieme di attività e iniziative che, a seconda delle varie necessità della Chiesa e opportunità dei tempi, sono suscitate e ordinate a promuovere l’unità dei Cristiani. »
    (Unitatis Redintegratio, 4).

    È dunque fondamentale e preliminare la corretta conoscenza reciproca che elimini errori e fraintendimenti, affinché siano ricercate
    « l’equità e la verità, la concordia e la collaborazione, la carità fraterna e l’unione, cosicché per questa via a poco a poco, superati gli ostacoli frapposti alla perfetta comunione ecclesiastica, tutti i cristiani, nell’unica celebrazione dell’Eucarestia, si riuniscano in quella unità dell’unica Chiesa, che Cristo fin dall’inizio donò alla sua Chiesa. »
    Perché tutti i cristiani percepiscano di condividere gli stessi valori, è indispensabile che
    « i cattolici con gioia riconoscano e stimino i valori veramente cristiani, promananti dal comune patrimonio, che si trovano presso i fratelli separati. »

    Se un Cavaliere di Malta è ecumenico, non può appartenere allo SMOM ?

  4. Se un cristiano cattolico cavaliere di malta di uno altro ordine (ovviamente riconosciuto dallo Stato Italiano), durante un evento religioso viene allontanato come un appestato, la Chiesa (inteso il Vaticano) verrà derisa e ci saranno defezioni in massa poiché i cattolici e credenti avranno la dimostrazione di quello che gli atei scrivono da sempre.

  5. Quegli Ordini che si definiscono “Cristiani” dovrebbero ricordare le tre divisioni principali della Cristianità le quali sono il Cattolicesimo, l’Ortodossia orientale e il Protestantesimo. Esistono anche altri gruppi cristiani che non rientrano in queste tre categorie principali. I gruppi cristiani si distinguono per differenti dottrine e pratiche. La maggior parte dei cristiani (cattolici, ortodossi, anglicani e la maggior parte dei protestanti) condividono il Credo niceno. Le chiese cristiane possono essere classificate in diversi modi. Una suddivisione abbastanza semplice è quella che distingue le chiese occidentali da quelle orientali. Un’altra possibile classificazione cronologica è quella basata sui Concili ecumenici riconosciuti e sugli scismi a essi successivi. Il concilio ecumenico è una riunione solenne di tutti i vescovi della cristianità per definire argomenti controversi di fede o indicare orientamenti generali di morale. L’etimologia del termine risale a ecumene, la “casa dove tutti viviamo”. (Wikipedia)

  6. Quei sacerdoti, Cardinali o Vescovi che allontanano un Cavaliere di Malta non dello SMOM abiurano il nome santo di Gesù e dovrebbero ricordare che sono un pessimo esempio di fede cattolica e cristiana. Non lamentatevi se poi la gente smette di credere ed andare in Chiesa: la colpa è di coloro che si comportano in modo ostile verso altri fratelli! Vergogna.

  7. Quando un Cavaliere di Malta SMOM o di altri Ordini collegati al Vaticano non accettano altri cavalieri cristiani/cattolici, bisognerebbe ricordagli SEMPRE che cosa vuol dire Ecumenismo, ovvero il movimento che tende a riavvicinare e a riunire tutti i fedeli cristiani e quelli delle diverse Chiese. Il punto di partenza è la comune fede nella Trinità: in Dio Padre, in Gesù Cristo Figlio e in Dio Spirito Santo.

Comments are closed.