Dottore della Chiesa

Reading Time: 1 minute read

Questo titolo è concesso o dal Papa stesso o da un Concilio. Questo onore è attribuito raramente, attualmente si contano 33 nomi che coprono circa duemila anni di teologia, sono dati solo postumi e dopo che c’è già stato un processo di canonizzazione. Originariamente conteneva solo i santi e teologi della Chiesa di occidente, ovvero Sant’Ambrogio, Agostino da Ippona, San Girolamo e Papa Gregorio I, che furono proclamati Dottori della Chiesa nel lontano 1298.

Nel 1568, vennero proclamati Dottori della Chiesa: Sant’Atanasio, San Basilio il Grande, San Giovanni Crisostomo e San Gregorio Nazianzeno, che appartenevano alla tradizione orientale assieme a San Tommaso d’Aquino.

I Dottori della Chiesa si distinsero per le loro opere letterarie sotto forma di libri o lettere, come Gregorio o Ambrogio.

Altri scrissero trattati mistici e teologici, come Santa Caterina da Siena e San Giovanni della Croce.

Molti dottori produssero lavori a difesa dell’ortodossia e contro varie forme di eresie.

Per tutti valga il nome di Agostino da Ippona, che scrisse anche la propria autobiografia, le famose Confessioni.

Come teologi e filosofi spiccano Sant’Anselmo, Sant’Alberto Magno e San Tommaso d’Aquino.

Fonte e foto Wikipedia

[Condividi questo post nei social e/o via mail]