Donne venezuelane rifugiate subiscono violenze in Colombia e Peru’

Reading Time: 1 minute read

Le donne rifugiate venezuelane affrontano una crescente violenza di genere in Perù e Colombia, poiché i governi non garantiscono il loro “diritto a una vita libera dalla violenza”, ha detto Amnesty International in un rapporto recente.

Da quando il presidente venezuelano Nicolas Maduro è entrato in carica nel 2013, oltre 6 milioni di venezuelani sono fuggiti a causa di una crisi economica che ha provocato carenze croniche di benzina, acqua e medicine, nonché violazioni dei diritti umani.

La violenza di genere contro le donne venezuelane in Colombia è aumentata del 71% tra il 2018 e il 2021 e in Perù del 31% tra il 2019 e il 2021, hanno mostrato dati ufficiali del governo.

Colombia e Perù ospitano oltre il 50% di coloro che sono fuggiti dal Venezuela, ha affermato Amnesty International.

“La protezione dalla violenza di genere dovrebbe essere una priorità per tutti gli stati delle Americhe”, ha dichiarato Erika Guevara-Rosas, direttore delle Americhe di Amnesty International, in una nota mediatica.

“Invece, le donne rifugiate venezuelane stanno affrontando una doppia e brutale mancanza di protezione.”

Le donne migranti venezuelane affrontano attacchi sia lungo le rotte migratorie che nei luoghi in cui si stabiliscono, afferma il rapporto.

[Condividi questo post nei social e/o via mail]