Coronavirus e Disturbo bipolare, casi in aumento

Reading Time: 1 minute read

Il disturbo bipolare nella pandemia del Coronavirus è aumentato con una percentuale più alta nelle donne rispetto agli uomini, il cui ceto è soprattutto di livello anche elevato. Il problema che abbiamo di fronte provoca cambiamenti nell’umore, nell’energia e nella capacità di funzione della persona.

Il disturbo bipolare si manifesta comunemente nelle famiglie: l’80-90% degli individui con disturbo bipolare ha un parente con disturbo bipolare o depressione.

Fattori ambientali come stress, disturbi del sonno, droghe e alcol possono innescare episodi di umore nelle persone vulnerabili.

Sebbene le cause specifiche del disturbo bipolare nel cervello non siano chiare, si ritiene che uno squilibrio delle sostanze chimiche del cervello porti a un’attività cerebrale disregolata. L’età media di insorgenza è di 25 anni.

Le persone con disturbo bipolare sperimentano stati emotivi intensi che tipicamente si verificano durante periodi distinti da giorni a settimane, chiamati episodi di umore.

Questi episodi di umore sono classificati come maniacali / ipomaniacali (umore anormalmente felice o irritabile) o depressivi (umore triste).

Le persone con disturbo bipolare generalmente hanno anche periodi di umore neutro. Quando trattate, le persone con disturbo bipolare possono condurre una vita piena e produttiva.

Anche le persone senza disturbo bipolare sperimentano fluttuazioni dell’umore. Tuttavia, questi cambiamenti di umore in genere durano ore anziché giorni.

Inoltre, questi cambiamenti non sono solitamente accompagnati dal grado estremo di cambiamento del comportamento o difficoltà con le routine quotidiane e le interazioni sociali che le persone con disturbo bipolare dimostrano durante gli episodi di umore.

Il disturbo bipolare può interrompere le relazioni di una persona con i propri cari e causare difficoltà a lavorare o ad andare a scuola.

Il disturbo bipolare è una categoria che include tre diverse diagnosi: bipolare I, bipolare II e disturbo ciclotimico.

Molly Howland, MD
Alex El Sehamy, MD, APA / APAF Fellow

[Condividi questo post nei social e/o via mail]