Cipro, icona Cristo ortodossa di 500 anni restituita al museo

Reading Time: 1 minute read

L’icona di Cristo in trono, che il dipartimento delle antichità di Cipro risale alla fine del XV secolo fino all’inizio del XVI secolo, è stata presentata martedì in una cerimonia al capo della Chiesa ortodossa dell’isola, l’arcivescovo Chrysostomos.

L’icona appartiene alla chiesa dell’antifonite di Cristo del XII secolo, che si trova vicino alla città costiera settentrionale di Kyrenia.

Fu una delle innumerevoli icone, affreschi, mosaici e manufatti religiosi rubati dalle chiese che furono abbandonate quando un’invasione turca del 1974 divise l’isola tra principalmente ciprioti greci ortodossi nel sud e ciprioti musulmani turchi nel nord.

L’invasione della Turchia aveva seguito un colpo di stato organizzato dai sostenitori dell’unione con la Grecia.

“Gli sforzi per rimpatriare i manufatti rubati continuano”, ha dichiarato il ministro dei trasporti Yiannis Karousos, che ha presentato l’icona alla chiesa.

La Chiesa di Cipro ha rintracciato l’icona di un’asta in Svizzera e la polizia svizzera l’ha sequestrata nel 2014. A seguito di un lungo processo legale, le autorità svizzere hanno consegnato l’icona la scorsa settimana ed è stata portata a Cipro.

La Chiesa di Cipro ha cercato per decenni di rintracciare numerosi manufatti religiosi rubati da centinaia di chiese e monasteri abbandonati nel nord e venduti all’estero.

La chiesa disse che l’icona restituita sarebbe stata trattenuta dall’arcivescovado “fino a quando non tornerà al suo giusto posto” nella chiesa dell’antifonite.

[Condividi questo post nei social e/o via mail]