Cantico di Mosè (Es 15, 1-18) – Precipito’ nel mare cavallo e cavaliere

Reading Time: 3 minutes read

Il Cantico di Mosè è il primo cantico contenuto nella Bibbia. Esso viene cantato da Mosè e il Popolo d’Israele per esprimere la propria gioia dopo la fuga dall’Egitto, in particolare dopo il miracoloso attraversamento del mar Rosso. Il Cantico di Mosè è contenuto nel libro dell’Esodo 15,1-18 e in Deuteronomio 32. Il Cantico di Mosè e il Cantico dell’Agnello sono citati in Apocalisse 15:3-4.

Ecco il testo del Cantico in Italiano (versione bibbia CEI / Gerusalemme).

Allora Mosè e gli Israeliti cantarono questo canto al Signore e dissero: «Voglio cantare in onore del Signore: perché ha mirabilmente trionfato, ha gettato in mare cavallo e cavaliere. Mia forza e mio canto è il Signore, egli mi ha salvato. È il mio Dio e lo voglio lodare, è il Dio di mio padre e lo voglio esaltare! Il Signore è prode in guerra, si chiama Signore. I carri del faraone e il suo esercito ha gettato nel mare e i suoi combattenti scelti furono sommersi nel Mare Rosso. Gli abissi li ricoprirono, sprofondarono come pietra. La tua destra, Signore, terribile per la potenza, la tua destra, Signore, annienta il nemico; con sublime grandezza abbatti i tuoi avversari, scateni il tuo furore che li divora come paglia. Al soffio della tua ira si accumularono le acque, si alzarono le onde come un argine, si rappresero gli abissi in fondo al mare. Il nemico aveva detto: Inseguirò, raggiungerò, spartirò il bottino, se ne sazierà la mia brama; sfodererò la spada, li conquisterà la mia mano! Soffiasti con il tuo alito: il mare li coprì, sprofondarono come piombo in acque profonde. Chi è come te fra gli dèi, Signore? Chi è come te, maestoso in santità, tremendo nelle imprese, operatore di prodigi? Stendesti la destra: la terra li inghiottì. Guidasti con il tuo favore questo popolo che hai riscattato, lo conducesti con forza alla tua santa dimora. Hanno udito i popoli e tremano; dolore incolse gli abitanti della Filistea. Già si spaventano i capi di Edom, i potenti di Moab li prende il timore; tremano tutti gli abitanti di Canaan. Piombano sopra di loro la paura e il terrore; per la potenza del tuo braccio restano immobili come pietra, finché sia passato il tuo popolo, Signore, finché sia passato questo tuo popolo che ti sei acquistato. Lo fai entrare e lo pianti sul monte della tua eredità, luogo che per tua sede, Signore, hai preparato, santuario che le tue mani, Signore, hanno fondato. Il Signore regna in eterno e per sempre!.

CANTICO DI MOSÈ. (Es 15, 1-18)
Do7 Fa
C. Cantiamo al Signor.
La7
Cantiamo al Signore,
Re7
che si coprì di gloria,

di gloria, di gloria.
Sol7
Precipitò nel mare
Do
cavallo e cavaliere.

Do7 Fa
A. MIA FORZA E MIA CANZONE
La7
È IL SIGNORE.
Re7
LUI È LA MIA SALVEZZA,

IL MIO DIO
Sol7
ED IO LO ESALTERÒ
Do7
PRECIPITÒ NEL MARE
Sol
CAVALLO E CAVALIERE. (2)

Do7 Fa
C. Il Signore è un prode,
La7
Jahvè è il suo nome,
Re7
i carri del Faraone

e l’esercito nemico
Sol7
precipitò nel mare.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE
Sol
CAVALLO E CAVALIERE. (2)

MIA FORZA E MIA CANZONE…

Do7 Fa
C. La tua destra, o Signore,
La7
gloriosa di potenza,
Re7
la tua destra, o Signore

distrusse il nemico,
Sol7
distrusse il nemico.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Do7 Fa
C. Il nemico aveva detto:
La7
inseguirò, raggiungerò,
Re7
e snuderò la spada,

la mia mano prenderà,
Sol7
la mia mano spoglierà.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Do7 Fa
C. Soffiasti col tuo alito:
La7
il mare li coprì.
Re7
sprofondarono come piombo

nelle acque profonde,
Sol7
nelle acque della morte.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Do7 Fa
C. Chi è come te fra gli déi.
La7
chi è come te, o Signore,
Re7
maestoso in santità,

tremendo nelle imprese,
Sol7
operatore di prodigi?

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Do7 Fa
C. Guidasti questo popolo
La7
che tu hai riscattato,
Re7
con forza lo hai condotto,

con forza e con amore
Sol7
fino alla tua dimora.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Do7 Fa
C. Lo hai fatto entrare e lo hai piantato
La7
sul monte della promessa,
Re7
dove tu, Signore, regni

regni in eterno,
Sol7
regni per sempre.

Do7
A. PRECIPITÒ NEL MARE…

Fonte : Catechista.it

.:.

Fonte : Wikipedia

[Condividi questo post nei social e/o via mail]