Blasfemia e Offese proibite quando sono contro i profeti di altre religioni

Reading Time: 2 minutes read

Iraq e Libia si sono uniti a oltre una dozzina di paesi musulmani nel condannare le controverse osservazioni fatte dai leader del BJP ora sospesi ed espulsi contro il profeta Mohammad.

In risposta a una dichiarazione rilasciata dalla commissione parlamentare su Awqaf e Tribals of Iraq sui controversi tweet, il portavoce dell’Ambasciata dell’India in Iraq lunedì ha chiarito che i tweet non riflettono in alcun modo le opinioni del governo di India.

La dichiarazione irachena afferma che “questi abusi, atti dannosi e vergognosi avranno gravi ripercussioni e, se non contenuto, può portare a conseguenze terribili che avranno conseguenze inimmaginabili per la coesistenza pacifica, oltre ad aumentare la lotta e le tensioni tra i popoli,”secondo l’agenzia di stampa irachena ufficiale – INA .

L’ambasciata indiana nella sua dichiarazione ha affermato che “in linea con il nostro patrimonio di civiltà e le forti tradizioni culturali dell’unità nella diversità, il governo indiano accorda il massimo rispetto di tutte le religioni. Sono già state intraprese azioni forti contro coloro che hanno formulato osservazioni sprezzanti.”

LEGGI ANCHE | “Incoraggiamo fortemente il rispetto e la tolleranza per tutte le religioni”: portavoce delle Nazioni Unite in mezzo al braccio del Profeta

È stata anche rilasciata una dichiarazione da parte di quartieri interessati che enfatizzano il rispetto per tutte le religioni, denunciando insulti a qualsiasi personalità religiosa o umiliando qualsiasi religione o setta, ha affermato.

Le ambasciate indiane in Qatar e Kuwait nelle loro dichiarazioni avevano indicato i commenti come “fatti da elementi marginali.”Tuttavia, la frase” elementi di frangia “non è presente nella dichiarazione rilasciata dall’ambasciata indiana in Iraq.

Molti nell’unità di Delhi “sconvolgono” l’azione contro Nupur Sharma e Naveen Jindal sulla fila delle osservazioni del Profeta

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale della Libia in una dichiarazione “ha fortemente condannato” le “osservazioni offensive” e ha chiesto il consolidamento dei valori di tolleranza e convivenza e il rifiuto del discorso di violenza e odio.

Anche il parlamento arabo con sede in Egitto ha espresso la sua forte condanna e rifiuto delle “osservazioni irresponsabili emesse dalla portavoce della sentenza indiana (BJP) contro il profeta Maometto.”

In una dichiarazione, il parlamento arabo ha affermato che tali osservazioni contraddicono pienamente il principio di tolleranza e il dialogo interreligioso e portano all’odio, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa KUNA statale del Kuwait.

Lunedì Indonesia, Arabia Saudita, Maldive, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Bahrain, Oman e Afghanistan hanno condannato le controverse osservazioni contro il profeta Maometto, sottolineando l’importanza di rispettare tutte le credenze religiose.

Il Qatar, l’Iran e il Kuwait domenica hanno convocato gli ambasciatori dell’India e hanno espresso la loro forte protesta e condanna per le controverse osservazioni.

Domenica il BJP ha sospeso il suo portavoce nazionale Nupur Sharma ed ha espulso il suo capo dei media di Delhi Naveen Kumar Jindal dopo le loro controverse osservazioni contro il Profeta.

Tra le proteste dei gruppi musulmani per le osservazioni, il partito ha anche rilasciato una dichiarazione volta ad alleviare le preoccupazioni delle minoranze e ad allontanarsi da questi membri, affermando che rispetta tutte le religioni e denuncia fortemente l’insulto di qualsiasi personalità religiosa.

Le controverse osservazioni hanno anche innescato una tendenza di Twitter nel mondo arabo chiedendo un boicottaggio dei prodotti indiani.

tradotto da IndianExpress

[Condividi questo post nei social e/o via mail]