Beato José Kowalski, gettato in una discarica di escrementi e poi bruciato

Reading Time: 2 minutes read

José Kowalski è nato a Siedliska (Polonia partizionata) il 13 marzo 1911, di Wojciech e Zofia Borowiec; settimo dei suoi nove figli.

Josè era un sacerdote Ordinato il 29 maggio 1938 a Cracovia come membro della Società religiosa salesiana, ed ha assunto poi la posizione di segretario della provincia salesiana.

Durante l’Occupazione tedesca della Polonia i salesiani hanno continuato il loro lavoro educativo.

La Gestapo ha arrestato Kowalski il 23 maggio 1941, insieme ad altri undici salesiani che lavoravano a Cracovia. Sono stati portati alla Prigione Montelupich e torturati.

Kowalski fu inviato ad Auschwitz il 26 giugno 1941 (prigioniero numero 17350 o 17950). Mentre era lì, la compagnia in Blocco 25 era segregata e la sua volontà di sopravvivere ogni giorno per la vita sul campo era cerchiata.

In appello, gli fu ordinato dall’uomo delle SS Palitzch di calpestare il suo rosario quando è stato scoperto averlo in tasca. Kowalski ha rifiutato. Come punizione, fu assegnato alla compagnia criminale.

Il 3 luglio 1942, fu deriso, ridicolizzato e brutalmente picchiato dalle guardie per essere un prete. La stessa notte in cui i suoi oppressori lo hanno rimosso dalla sua prigione, è stato nuovamente picchiato duramente fuori.

L’uccisione di Kowalski è contrastante, c’é chi dice fu gettato in una discarica di escrementi e bruciato e c’è chi afferma che fu annegato. Il fatto è che il suo corpo fu trovato il 4 luglio 1942 carbonizzato. A quel tempo aveva 31 anni.​

Nel campo di concentramento, ha saputo assolvere le vittime condannate e questo avveniva in segreto, ma almeno una volta davanti a tutti al momento dell’esecuzione di massa. Nell’ultima lettera ai suoi genitori, Józef ha scritto:

Non preoccuparti per me; Sono nelle mani di Dio. Voglio assicurarti che sento il tuo aiuto ad ogni passo. Nonostante la situazione attuale, mi sento felice e completamente in pace.

I polacchi iniziarono a venerare la sua memoria dopo la seconda guerra mondiale.

Il Papa Giovanni Paolo II Conosceva personalmente padre Kowalski prima della guerra, quando Kowalski visse e prestò servizio con la Parrocchia di Saint Stanislaus Kostka in Dębniki, Cracovia.

Durante una delle sue visite in Polonia, Giovanni Paolo II ha beatificato Kowalski a Varsavia in una messa cerimoniale di tre ore, il 13 giugno 1999, alla presenza del Presidente Polacco Aleksander Kwasniewski, davanti a 600 mila persone.

Kowalski era uno dei 108 martiri polacchi della seconda guerra mondiale, beatificati dal Papa quel giorno.

[Condividi questo post nei social e/o via mail]